ambiente.jpg
Ti trovi qui:Home»Ambiente»Danni al Parco del Castello. Parla l'assessore all'Ambiente Stefano Zoccali
Martedì, 28 Giugno 2016 10:16

Danni al Parco del Castello. Parla l'assessore all'Ambiente Stefano Zoccali

“Matera è stata vittima di una abusiva appropriazione di suolo pubblico per un evento trasformatosi in atti di puro vandalismo”.

Così l’assessore all’Ambiente Stefano Zoccali ha esordito nel corso della conferenza stampa convocata per affrontare i problemi di maggiore attualità. .

“Accusare il Comune di non pulire o di intervenire solo a danni compiuti, come ha fatto qualcuno, non è esatto. Ad oggi, ad esempio, è impossibile mettere a disposizione la frubilità del Parco del Castello perché vi sono residui di vetro troppo piccoli che bisognerà eliminare con molta accortezza; a ciò comunque stiamo provvedendo. Gli effetti dannosi provocati in questa circostanza sono imputabili a diversi fattori: l’amministrazione comunale aveva patrocinato e autorizzato l’associazione Krikka Reggae ad occupare il Parco del Castello per la Festa della Musica. Successivamente si è abusivamente inserita anche l’associazione Terre Joniche con una iniziativa tutt’altro che culturale tenuto conto che si è dimostrato solo un evento di natura commerciale con la vendita anche di bevande alcoliche. Già la prima associazione nell’insediarsi aveva comunque provocato danni all’ambiente, ma i danni maggiori sono stati provocati da quanto posto in essere dall’associazione Terre joniche con la loro rivendita non autorizzata. Tutto questo lo consideriamo come un atto di aggressione alla città che non possiamo più tollerare”. L’assessore ha spiegato: “Recuperare gli oneri per i danni subiti è troppo riduttivo. E’ necessario che queste violazioni siano denunciate alle autorità competenti per la tutela dell’ordine pubblico. Approfitto di questo incontro per andare oltre il fatto specifico del Parco del Castello e sensibilizzare l’attenzione verso le aggressioni che quotidianamente investono la città da parte di operatori economici, di cittadini di altri comuni che ritengono di utilizzare aree periferiche della città per lo smaltimento e abbandono abusivo di rifiuti.

In questa settimana – ha precisato ancora l’assessore Zoccali riferendosi al fenomeno dell’abbandono abusivo di rifiuti – abbiamo potuto verificare di persona lo scempio perpetrato ai danni del borgo La Martella. Parlare del cattivo funzionamento dell’amministrazione comunale è il passatempo preferito, ma è anche il momento di segnalare e punire coloro che violano le norme; solo in questo modo si aiuterà il Comune a gestire meglio la città”. Per combattere i fenomeni di aubisivismo l’assessore ha chiesto la collaborazione dei mezzi di informazione i quali, con il loro potere di indagine giornalistica, possono fattivamente contribuire a individuare i soggetti che perpetrano gli abusi e a sensibilizzare l’opinione pubblica e soprattutto gli operatori economici al rispetto e alla salvaguardia del bene comune.

“A tale proposito – ha aggiunto l’assessore – cito il comportamento di una società di catering che ritiene di depositare i numerosi sacchi di rifiuto derivante dall’attività svolta dove gli è più comodo, ribaltando i costi di smaltimento sui cittadini, costi che per legge dovrebbe sostenere la stessa azienda.L’impegno del Comune sarà concentrato ad attivare azioni di controllo che effettueremo con il potenziamento dell’organico del Corpo di Polizia locale e con la fattiva collaborazione del Corpo Forestale dello Stato che ha dimostrato straordinaria sensibilità interessandosi alle problematiche della città”.

Riferendosi, più in generale, al fenomeno dello smaltimento abusivo dei rifiuti, l’assessore Zoccali ha poi ricordato: “Il mondo produttivo ed economico deve aiutarci; gli artigiani che svolgono ristrutturazioni e sostituzioni di elettrodomestici nelle abitazioni private, devono rispettare le leggi e garantire la sostenibilità del nostro territorio”.

Colgo l’occasione per commentare con voi l’avvenuta approvazione da parte del consiglio comunale dell’Osservatorio ambientale della città di Matera che non nasce solo per controllare le emissioni in atmosfera o l’inquinamento dei corsi idrici, ma anche per controllare tutti i casi di violazione delle norme sullo smaltimento dei rifiuti. Abbiamo coinvolto alcune associazioni ambientaliste che ci sembravano le più rappresentative. L’Osservatorio nasce in un momento particolare della situazione ambientale della città che vede in particolar modo una attività turistica in crescita, oltre le previsioni più ottimistiche. Il Comune non poteva perdere di vista l’importanza di questo organismo”.

Presente all’incontro anche il sindaco Raffaello de Ruggieri che ha annunciato che nei confronti di coloro che hanno violato le norme e provocato i danni al Parco del Castello, il Comune adotterà adeguati provvedimenti. “La vicenda è legata ad un fatto culturale: sembra che la città possa essere abusata da tutti. Le piazze, le strade, i parchi diventano un diritto insuperabile di chi deve svolgere manifestazioni e questo fatto deve finire. La città non può essere sottoposta all’occupazione di chi non la rispetta e non la tutela. Per questo in piazza S. Giovanni, piazza Vittorio Veneto, piazza del Sedile, piazza S. Pietro Caveoso e via Ridola non verranno autorizzate manifestazioni. La diseducazione va colpita con la videosorveglianza – ma ha ricordato – che non è stata avviata perché abbiamo perduto 800 mila euro di fondi europei che abbiamo scoperto che esistevano, solo nell’ottobre 2015 e che avrebbero dovuto essere impegnati entro il 31 dicembre 2015. In quanto ai regolamenti, quando ci siamo insediati non c’erano né ufficio cultura, o turismo o cinema. Anche in questo ultimo caso, Matera non può ospitare tutti, bisogna fare filtro. In questo senso è stato predisposto un regolamento.

Quello per la occupazione dei suoli, purtroppo non è stato fatto perché finora siamo impegnati in commissioni per tavolini e sedie di bar e paninoteche. Come lo risolveremo? Nel rispetto delle regole. In molti casi per sottrarsi al parere vincolante, chiedono occupazioni temporanee e dopo la scadenza, rimangono lì”.

In chiusura dell’incontro l’assesore Zoccali ha poi annunciato che la Regione Basilicata il 27 giugno scorso ha deliberato un fondo di rotazione a sostegno dei costi per urgenti lavori di revamping dell’impianto di La Martella per consentire l’esercizio in tutta sicurezza e in condizioni di sostenibilità ambientale.