dal_comune.jpg
Ti trovi qui:Home»Dal Comune»Presentata la Fidelity card prepagata di Bper

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Se vuoi proseguire accetta i cookie. Per saperne di piu'

Approvo
Lunedì, 13 Febbraio 2017 11:57

Presentata la Fidelity card prepagata di Bper

“Più che una operazione commerciale, uno strumento per unire solidarietà e strumenti di ultima generazione”. Così il sindaco ha presentato la carta prepagata del progetto “Fidelity card Matera nel cuore” di Bper Banca che devolverà una parte del ricavo delle nuove attivazioni (pari a 2 euro) a favore della Caritas diocesana.


All’iniziativa erano presenti oltre al sindaco Raffaello de Ruggieri, il direttore territoriale di BPer Salvatore Pulignano, l’Area manager di BPer Basilicata Enza Stasi e il direttore della Caritas Diocesana Annamaria Cammisa.
“L’iniziativa che presentiamo oggi – ha spiegato  il sindaco - tiene anche in considerazione il ruolo di Matera come catalizzatore dopo la sua designazione a Capitale europea della Cultura nel 2019. Non è una operazione commerciale, c’è alla base una profonda missione: mettere in luce il valore della città e destinare risorse per innalzare il livello della solidarietà”.
Per Salvatore Pulignano è fondamentale “Sottolineare che  il nostro è un istituto che mantiene le radici nel proprio territorio di riferimento e per questo è sensibile alle iniziative che lo valorizzano e a tutti coloro che si impegnano. La Caritas – ha aggiunto – svolge una funzione molto delicata e per questo riteniamo che devolvere una parte del ricavo della Fidelity card  sia molto immportante”.
“Da lunedì 13 febbraio tutte le filiali della città e del resto d’Italia procederanno già alla distribuzione della card – ha annunciato Enza Stasi, area manager Basilicata di Bper – Alla Caritas diocesana verrà devoluta una cifra pari a 2 euro per ogni attivazione oltre ad una percentuale per gli acquisti effettuati. La nostra – ha aggiunto  - è una ambizione particolare: contribuire ad aumentare il senso di appartenenza alla città e creare un circuito di attività commerciali che promuovano accordi per la promozione di questo strumento”.
Infine Annamaria Cammisa, direttore della Caritas diocesana ha aggiunto: “Grazie a questo progetto emergono  la sensibilità e la passione della banca al contrario di quanto accade in genere negli istituti di credito che non guarda con questi occhi ai territori.
Andiamo nella stessa direzione – ha proseguito – verso il concetto di comunità e verso la consapevolezza che la Caritas è una presenza, un faro che porta aiuto a tutti”.