dal_comune.jpg
Ti trovi qui:Home»Dal Comune»Matera all'incontro della Rete Città d'arte

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Se vuoi proseguire accetta i cookie. Per saperne di piu'

Approvo
Venerdì, 17 Marzo 2017 12:29

Matera all'incontro della Rete Città d'arte

Il percorso di Matera verso il 2019, anno in cui sarà Capitale europea della  Cultura, è stato al centro dei lavori del tavolo di lavoro che si è riunito a Roma

e che si è confrontato su “Città in rete 2019: dai dossier ad una programmazione comune per l’anno italiano della cultura”.
Il tema ha coinvolto le città  della Rete della Cultura e Matera, rappresentata dall’assessore ai Sassi, Paola D’Antonio. Nel suo intervento l’assessore ha sottolineato l’impegno profondo e costante che sta impegnando la città  sotto il profilo progettuale e operativo in vista del 2019, per trasformare questo appuntamento in opportunità di crescita che superi l’anno in cui la città sarà Capitale europea della Cultura. Il lavoro di costruzione di meccanismi di partecipazione, di coinvolgimento dal basso devono rappresentare una buona pratica su cui operare.
Trasformare la visione di una città unica come Matera, mantenendone intatto l’animo millenario, la storia, ha aggiunto l’assessore D’Antonio, mette in atto una serie di passaggi che individuino strumenti di sviluppo incardinati nella particolartà della città dei Sassi, un lavoro che l’amministrazione comunale sta portando avanti e caratterizzerà il modus operandi delle scelte che condurranno al 2019.
In questo senso,  il dibattito sviluppato al Mibact ha consentito di ampliare il confronto sulle esperienze delle città italiane che si erano candidate a rappresentare la cultura italiana e che proseguono la loro attività lavorando sui rispettivi dossier di candidatura.
Nel corso del tavolo di lavoro sono state presentate le linee guida di un progetto unitario che si muova verso un’offerta coordinata sotto il profilo del brand e verso possibili strumenti legislativi.
All’incontro erano presenti Lorenzo Casini, consigliere giuridico del Ministro epr i Beni e le Attività culturali e il Turismo, Gaetano Scognamiglio, Presidente della Fondazione  Promo Pa, i sindaci delle città candidate, Francesca Velani coordinatore della Rete delle città della Cultura, Salvatore Bilardo, ispettore generale Capo, dell’Ispettorato generale per la finanza delle Pubbliche amministrazioni del Mef. I lavori sono stati moderati da Leila Nista, project manager del Focus Point Italia delle Capitali europee della Cultura e sono stati conclusi da Giampaolo D’Andrea, Capo Gabinetto del Ministro per i Beni e le Attività culturali e il Turismo.