dal_comune.jpg
Ti trovi qui:Home»Dal Comune»Bando rifiuti. L'assessore Acito: "Svolta storica"
Lunedì, 29 Maggio 2017 11:37

Bando rifiuti. L'assessore Acito: "Svolta storica"

Un bando da quasi 100 milioni per l’area metropolitana del sub Ambito 1 (che comprende Bernalda, Ferrandina, Irsina e Tricarico) e che amplierà i servizi per la comunità con uno sguardo di più vasto respiro,
La gara, aperta con la pubblicazione il 19 maggio scorso e che si chiuderà il 19 luglio,  consentirà di giungere al nuovo affidamento per il servizio di raccolta dei rifiuti.


“Si tratta – spiega l’assessore al Ciclo dei rifiuti, Enzo Acito – di un cambio di passo che giunge a 10 anni dall’ultimo bando e che è  rivolto innanzitutto all’aumento della percentuale di raccolta differenziata che, al momento, a Matera registra percentuali molto basse.
Complessivamente il servizio riguarderà 60.436 cittadini di cui 26.914 per utenze domestiche  e 577 per le utenze non domestiche.
L’obiettivo è giungere al 65% e dotare la città di servizi in grado di modificare positivamente la situazione e di risolvere le attuali difficoltà che si ripercuotono anche sull’immagine di Matera”.
L’appalto prevede, oltre alla raccolta dei rifiuti, che  il gestore garantisca  tra gli altri servizi, anche il lavaggio e la sanificazione  delle strade, la derattizzazione delle aree sensibili della città per lo sviluppo di animali e insetti molesti. La società si occuperà anche della gestione dei centri di conferimento (isole ecologiche) e dei rapporti con l’utenza, della comunicazione e della sensibilizzazione nei confronti della comunità che diventa elemento centrale per le politiche ambientali.
Il bando prevede l’assegnazione di premialità per le soluzioni tecnologicamente avanzate al fine di poter consentire l’adozione delle migliori innovazioni presenti sul mercato.
Secondo il nuovo bando, inoltre, il servizio di raccolta avverrà col sistema “porta a porta” integrale: i rifiuti divisi per categorie merceologiche vengono raccolti a turni nei pressi delle singole abitazioni. Le attuali aggregazioni di frazioni (materiale organico biodegradabile, materiale cellulosico carta e cartoni, materiali plastici e metallici, vetro, residuo dell’indifferenziato) potranno essere modificate dalle aziende che partecipano alla gara d’appalto.
Per garantire la massima trasparenza e partecipazione, la commissione di gara sarà indicata dall’Autorità Nazionale Anticorruzione e sorteggiata in seduta pubblica.
“La chiusura del bando a luglio a le procedure per le opportune valutazioni – conclude l’assessore Acito – doteranno la città, entro l’anno, di un nuovo servizio, più dinamico e adeguato alle esigenze di un sito che che è chiamato a rientrare a pieno  titolo nei parametri europei”.