dal_comune.jpg
Ti trovi qui:Home»Dal Comune»Gemellaggio fra siti Unesco. L'assessore D'Antonio: "Unirà storia e tecnologia"

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Se vuoi proseguire accetta i cookie. Per saperne di piu'

Approvo
Martedì, 30 Maggio 2017 10:12

Gemellaggio fra siti Unesco. L'assessore D'Antonio: "Unirà storia e tecnologia"

Avviato il percorso che porterà ad una intesa fra il Ministero dei Beni culturali e il Ministero della Cultura della Repubblica Popolare Cinese.
I particolari di questo itinerario sono stati illustrati nel corso di un incontro che si è svolto al Mibact

e al quale ha partecipato anche l’assessore ai Sassi e al Patrimonio Unesco Paola D’Antonio. Il progetto di gemellaggio rientra nelle iniziative del Forum Culturale di Italia Cina. “Per la prima volta – sottolinea l’assessore D’Antonio – i siti Unesco prevedono forme di gemellaggio legate anche ai temi dello sviluppo sostenibile. La Cina, d’altronde, ha un numero di siti riconosciuti Patrimonio mondiale dell’Umanità uguale a quello italiano. Il dialogo avviato dall’incontro romano e dal progetto di gemellaggio predispone sicuramente ad una cooperazione economica fra i Paesi e fornisce a tutti noi un canovaccio utile sul quale lavorare per fare in modo che il sistema di rete diventi operativo anche in un ambito tanto prestigioso come è quello dell’Unesco. Una parte fondamentale spetterà – prosegue l’assessore – all’industria culturale e creativa che proprio a Matera dovrà svoglere un ruolo preminente visto anche il futuro ruolo di Capitale europea della Cultura, nel 2019. La bozza di gemellagigo si muove lungo una serie di direttrici che vanno, tra l’altro,  dalla redazione di strumenti informativi per far conoscere i luoghi designati anche attraverso la sinergia tra aziende del settore.
Prevista inoltre l’attivazione di collaborazioni per programmi di visita dei siti Unesco con studi e ricerche per il controllo dei flussi turistici e l’individuazione di progetti innovativi di fruizione all’insegna dello sviluppo sostenibile.
“Le nostre città,  siti di riconosciuto valore mondiale, hanno il dovere di sviluppare in modo sostenibile i propri territori guardando ad politiche di  lungo termine nelle quali unire storia e tecnologia – conclude l’assessore D’Antonio.