dal_comune.jpg
Ti trovi qui:Home»Dal Comune»Elettrodotto Matera CP – Grottole – Salandra: L’assessore Violetto: VIA I TRALICCI DAL CENTRO ABITATO DI MATERA, NEL 2018 TERNA Avvierà I LAVORI

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Se vuoi proseguire accetta i cookie. Per saperne di piu'

Approvo
Martedì, 16 Gennaio 2018 17:07

Elettrodotto Matera CP – Grottole – Salandra: L’assessore Violetto: VIA I TRALICCI DAL CENTRO ABITATO DI MATERA, NEL 2018 TERNA Avvierà I LAVORI

L’intervento consentirà la realizzazione di un nuovo tracciato distante dal centro abitato e lo smantellamento di 8 km di vecchie linee

È attualmente in fase di progettazione esecutiva l’intervento sull’elettrodotto Matera CP – Grottole – Salandra, che consentirà a Terna di demolire 11 Km di linee di cui ben 8 Km che insistono nel centro abitato di Matera. L’Azienda, che gestisce la rete elettrica nazionale, avvierà nel 2018 la realizzazione del nuovo tracciato aereo e il contestuale smantellamento dei tralicci esistenti.
Con la firma di uno specifico Protocollo d’Intesa, Terna e il Comune di Matera hanno condiviso le scelte progettuali tese a coniugare le esigenze di sviluppo della rete elettrica regionale con quelle del territorio materano. Il proficuo dialogo, ha permesso di abbinare alla realizzazione del nuovo tracciato, la demolizione del tratto di elettrodotto aereo a ridosso dell’abitato, con positivi benefici per la città e suoi abitanti.

L’opera fa parte di un più ampio piano di riassetto della rete elettrica dell’area che ha consentito, nel 2011, l’entrata in esercizio dell’elettrodotto Matera – Matera Cp.

“L’elettrodotto Matera CP – Grottole – Salandra è uno degli interventi necessari all’ammodernamento della rete elettrica lucana” - dichiara Pier Francesco Zanuzzi, Amministratore Delegato di Terna Rete Italia – “L’opera consentirà una maggiore integrazione dell’energia rinnovabile prodotta in Basilicata, attualmente pari a circa l’80% della produzione totale. Il suo percorso progettuale, frutto di un positivo dialogo con l’amministrazione comunale di Matera, è l’ulteriore conferma di come la realizzazione di infrastrutture fondamentali per il paese nasca sempre dal confronto con le popolazioni interessate. Promuovere lo sviluppo di una rete che favorisca il transito delle energie pulite, significa portare ai cittadini non solo benefici in termini di maggiore efficienza del sistema elettrico e di minori oneri a carico, ma anche di sostenibilità ambientale grazie alla riduzione di gas serra”
“l’Amministrazione – spiega l’assessore all’Ambiente ed al Patrimonio Violetto – ha ridato attualità e vigore al dialogo con la Terna, assumendo tra i suoi obiettivi fondamentali l’allontanamento della linea elettrica dall’abitato. Il nuovo tracciato porterà per la città un miglioramento sia dal punto di vista ambientale e del decoro, sia da quello della fruibilità dei luoghi su cui attualmente insistono gli ingombranti tralicci ed i cavi aerei. Forniremo alla società incaricata di questa importante opera ogni supporto perché essa sia completata nel più breve tempo possibile”