dal_comune.jpg
Ti trovi qui:Home»Dal Comune»Ztl 2.0, chiesta l’autorizzazione per l’installazione delle telecamere in uscita dai varchi del centro storico e dei Sassi

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Se vuoi proseguire accetta i cookie. Per saperne di piu'

Approvo
Giovedì, 11 Ottobre 2018 12:38

Ztl 2.0, chiesta l’autorizzazione per l’installazione delle telecamere in uscita dai varchi del centro storico e dei Sassi

Il Comune di Matera ha presentato, al Dipartimento generale per la sicurezza stradale del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, la domanda di autorizzazione all’installazione e all’attivazione di impianti per il controllo elettronico dei veicoli in uscita dalle zone a traffico limitato del centro storico e dei Sassi.


La richiesta è stata inoltrata per i varchi di via Scotellaro-via del Corso, via San Francesco-via del Corso, via D’Addozio-via Santa Cesarea, via Buozzi-via Casalnuovo.
Le telecamere permetteranno di monitorare i flussi in uscita dai varchi per controllare il rispetto degli orari previsti sia per il carico e scarico delle merci che per i veicoli privati non autorizzati che entrano in ztl nelle fasce orarie di apertura non osservando le prescrizioni previste per il deflusso.
“Abbiamo avviato – spiega l’assessore alla Mobilità, Angelo Montemurro – l’iter per dare consistenza a quella che abbiamo definito la fase 2.0 della ztl. Non ci saranno più escamotage, una volta installate le telecamere, per aggirare gli orari previsti per l’ingresso e l’uscita dai varchi e questo renderà certamente più controllabile il flusso dei veicoli nelle aree più sensibili della città. Appena ottenuta l’autorizzazione provvederemo all’installazione degli impianti e daremo informazioni riguardo alla loro entrata in funzione definitiva. Il centro storico e i Sassi sono luoghi incompatibili con la massiccia presenza delle auto e intendiamo preservarli in tutti i modi”.

 

Matera 10 ottobre 2018