dal_comune.jpg
Ti trovi qui:Home»Dal Comune»Da Matera a Tus- Mashhad Sulle tracce di Antonio Raffaele Giannuzzi tra Italia ed Iran

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Se vuoi proseguire accetta i cookie. Per saperne di piu'

Approvo
Mercoledì, 09 Ottobre 2019 12:51

Da Matera a Tus- Mashhad Sulle tracce di Antonio Raffaele Giannuzzi tra Italia ed Iran

Con la consapevolezza che con la cultura è possibile cambiare le cose, nasce l’idea per presentare e promuovere la conoscenza della cultura e delle arti persiane a Matera.

In occasione ed all'interno dei numerosi eventi legati a Matera Capitale Europea della Cultura 2019, L’Istituto Culturale dell’Iran a Roma in collaborazione con il Comune di Matera, la Fondazione di Matera 2019 e l’associazione Abruzzo Avventure presenta: Da Matera a Tus- Mashhad Sulle tracce di Antonio Raffaele Giannuzzi tra Italia ed Iran Il programma è articolato in varie sezioni: una mostra fotografica, l’intitolazione di una via di Mashhad alla città di Matera e viceversa, la donazione del busto del sommo poeta persiano Ferdowsi (940 – 1020) alla città di Matera e in particolare il gemellaggio tra la città di Matera con la città di Tus in Iran. L’obiettivo è favorire ed ampliare in questo modo, gli scambi interculturali ed insieme consolidare i rapporti di reciproca amicizia e conoscenza. Per quanto concerne la mostra fotografica, inaugurata il 5 ottobre presso gli spazi degli Ipogei di Piazza San Francesco, è in memoria di un glorioso cittadino materano, Antonio Raffaele Giannuzzi, nato a Matera nel 1818, divenuto l'ufficiale comandante in capo della formazione e dell' addestramento dell'esercito persiano sotto il regno di Nasser al-Din Shah della dinastia Qajar. Giannuzzi ha realizzato un prezioso e corposo archivio fotografico ritraendo scene militari e, soprattutto, realizzando il primo e più importante catalogo fotografico dei luoghi di culto persiani e del mondo. Oggi, grazie alla ricerca dettagliata del Dott. Pasquale Doria, l’Italia scopre immagini rarissime di una terra sconosciuta. Benchè poco nota, è una pagina entrata nella storia della fotografia di tutti i tempi. Importante per l’Iran, perchè si tratta dei suoi primi documenti fotografici. Notevole per l’Italia perchè fece conoscere la Persia nel mondo, anche tramite successive spedizioni. A scrivere questa esaltante storia contribuì decisamente Giannuzzi che, ora è chiaro, è stato anche il primo fotografo e documentarista Materano. ISTITUTO CULTURALE Dell’Ambasciata della Repubblica Islamica dell’Iran Prot. Roma, 08.10.2019 00135 ROMA – Via M. Pezzé Pascolato, 9 – Tel. (+39) 06.30.52.207, 06.30.52.208 – Fax 06.30.17.341 Email : Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. L’intitolazione della via a Matera verrà presentata il giorno 11 ottobre alle ore 10,00 insieme alla donazione ufficiale del mezzobusto del sommo poeta persiano Ferdowsi (920-1020) dalla città di Mashhad alla città di Matera, presso la sala Mandela nella sede del comune di Matera alla presenza del Sindaco Avv. Ruggieri, l'Assessore alla Cultura Prof. D’Andrea, dott. Pasquale Doria scrittore e giornalista professionista nella redazione della Gazzetta del Mezzogiorno, Presidente dell’associazione Abruzzo Avventure dott. Antonio Corrado, il Sottosegretario del Sindaco di Mashhad dott. Kashiri, il vice Presidente del Consiglio Comunale di Mashhad Dott. Movahed Zadeh, il direttore dell’Istituto Culturale dell’Ambasciata dell’Iran Dott. Gholi . Nel pomeriggio del giorno 18 Ottobre, alle ore 17:00, presso gli spazi degli Ipogei di Piazza San Fancesco a Matera, si svolgerà la conferenza intitolata: Da Matera a Mashhad Sulle tracce di Antonio Raffaele Giannuzzi tra Italia ed Iran Interverranno il dott. Pasquale Doria scrittore e giornalista e la dott.ssa Nasrin Torabi storica iraniana per raccontare la suggestiva esperienza di Antonio Raffaele Giannuzzi tra l'Italia e l'Iran.

327