dal_comune.jpg
Ti trovi qui:Home»Dal Comune»Comune-Fal, nessuna incomprensione: si continua a lavorare per la città

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Se vuoi proseguire accetta i cookie. Per saperne di piu'

Approvo
Venerdì, 08 Novembre 2019 17:49

Comune-Fal, nessuna incomprensione: si continua a lavorare per la città

Non ci sono contrapposizioni tra Comune di Matera, Fal e Regione Basilicata che continuano a lavorare insieme per l’attivazione del servizio di trasporto metropolitano di Matera.

Il prossimo passo sarà quello della firma della convenzione tra i tre soggetti per l’istituzione di corse aggiuntive, a quelle attualmente previste, lungo la tratta urbana delle Fal. Il 15 novembre, su iniziativa dell’assessore regionale alle Infrastrutture e ai trasporti, Donatella Merra, si terrà a Potenza un incontro per portare a sintesi il lavoro fin qui svolto.

E’ quanto emerso nel corso della conferenza stampa congiunta Comune di Matera-Fal, che si è svolta questa mattina nella sala Mandela del Palazzo di Città.
Vi hanno preso parte: il Sindaco di Matera, Raffaello de Ruggieri, l’assessore comunale alla Mobilità, Angelo Montemurro, il Presidente, il Direttore generale e la Consigliera di amministrazione delle Fal, Rosario Almiento, Matteo Colamussi e Angela Tantulli.

“Questo non è il momento di alimentare polemiche – ha sottolineato il Sindaco – ma di raggiungere gli obiettivi che tutti i soggetti interessati si sono prefissi e cioè di dotare la città di un servizio di trasporto pubblico su ferro che ha lo scopo di ridurre il transito di veicoli a motore nelle aree nevralgiche della città. Si tratta di un’esigenza che va al di là del 2019 e che per questo motivo resta attuale anche per il futuro, se davvero si vuole che Matera sia una città sostenibile dal punto di vista ambientale e trasportistico. Per questo ho voluto questa conferenza stampa, per rendere chiaro il messaggio che tutti insieme lavoriamo nell’interesse generale. I ritardi sono dovuti alla farraginosità di norme che a volte sono contraddittorie e che costringono ad estenuanti confronti su interpretazioni delle leggi e non sulle leggi stesse, specie quando ci sono più soggetti interessati a discutere di determinati argomenti. In ogni caso, grazie all’accelerazione impressa dall’assessore Merra, siamo fiduciosi di riuscire a far partire il servizio in tempi rapidissimi“.

“Comune e Fal hanno lavorato insieme – ha spiegato il Presidente delle Fal, Almiento – e sono riusciti a realizzare in sette mesi un’opera di grandissima qualità architettonica come quella dell’architetto Boeri oltre al nodo intermodale di Serra Rifusa. Ora dobbiamo fare in modo che le infrastrutture presenti siano utilizzate meglio possibile e che siano fruibili per i visitatori e per i cittadini di Matera. A questo stiamo lavorando, forti della volontà del Comune di Matera di procedere nella direzione intrapresa”.

“Senza De Ruggieri – ha aggiunto il Dg delle Fal, Colamussi – Matera non avrebbe mai avuto quella piazza. L’ho già detto, lo ribadisco oggi e lo dirò anche in futuro, se necessario, perché sia chiaro che le Fal credono fortemente nel percorso che il Comune di Matera sta portando avanti. Dal 18 gennaio il nodo intermodale di Serra Rifusa è funzionante ed è servito attualmente da 17 coppie di corse che sono quelle della linea Matera-Bari. Il Comune di Matera ha messo a disposizione 400mila euro di propri fondi alla Regione Basilicata per aumentare il numero di corse lungo la tratta urbana e ha chiesto, legittimamente, tariffe agevolate per l’utilizzo del parcheggio e del servizio di trasporto. Su questo aspetto c’è la competenza della Regione e l’Assessore Merra ha avocato a sé il problema per risolverlo in tempi brevi. Non c’è altro da dire se non che siamo tutti impegnati e abbiamo tutti l’interesse a trovare un’intesa”.

“La strategia del Comune sulla mobilità sostenibile – ha spiegato l’assessore Montemurro – è fatto di determine, delibere, investimenti e quindi di atti concreti. Credo che sia evidente la nostra volontà di trovare soluzioni alternative all’utilizzo delle auto private per la mobilità cittadina e stiamo cercando di favorire un cambio del paradigma culturale nelle modalità di trasporto. Con Fal abbiamo raggiunto l’obiettivo di creare al centro della città una cerniera urbana di grande qualità architettonica, urbanistica e sociale che rappresenta un esempio per tanti altri centri urbani. Sull’hub di Serra Rifusa il discorso è semplice: si tratta di un park and ride, se manca il ride, il park non può funzionare. Troveremo le giuste soluzioni per far partire presto questo servizio”.

“La stazione di Matera è il fiore all’occhiello della città e delle Fal – ha detto la Consigliera di amministrazione Angela Santulli – ed è il segno della collaborazione tra il Comune e l’azienda. Nel solco del lavoro fin qui svolto esprimo il mio pieno sostegno alle attività che saranno messe in campo per rendere fruibile un servizio di trasporto efficiente per la città di Matera”.

Nel corso della conferenza stampa, sono state rese note alcune anticipazioni sui contenuti della convenzione che sarà oggetto di ulteriori approfondimenti con la Regione. Il biglietto dovrebbe costare 1,50 (corsa di andata e ritorno) o 2 euro per l’intera giornata con la possibilità eventuale di sottoscrivere abbonamenti settimanali al costo di 6 euro. Le tariffe per il parcheggio dei bus dovrebbero prevedere una sosta per l’intera giornata al costo di 60 euro con possibilità di prevedere tariffazioni orarie differenti.

360