dal_comune.jpg
Ti trovi qui:Home»Dal Comune»Conferita la cittadinanza onoraria al Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Se vuoi proseguire accetta i cookie. Per saperne di piu'

Approvo
Venerdì, 15 Novembre 2019 09:23

Conferita la cittadinanza onoraria al Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco

Il consiglio comunale di Matera ha conferito nella seduta che si è svolta nel pomeriggio di oggi nel cineteatro “Geraro Guerrieri”, la cittadinanza onoraria al Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco “per il costante e puntuale lavoro di tutela delle persone e dei beni, per l’attività di prevenzione e sicurezza, per l’apporto fondamentale nel servizio di protezione civile, nonché per la rilevanza interdisciplinare nei settori della sicurezza nei luoghi di lavoro e di controllo e prevenzione, attività svolte con infaticabile impegno e abnegazione al servizio della collettività”.


“Nella mia memoria – ha detto il Sindaco Raffaello de Ruggieri nel suo intervento – sono scolpiti i momenti legati alla qualità del soccorso, dell’assistenza e della solidarietà umana dei Vigili del Fuoco. Ricordo il momento eroico del loro intervento il 23 novembre 1980 quando per primi accorsero sui luoghi del terremoto scavando a mani nude per cercare di prestare soccorso alle persone rimaste sotto le macerie.
Non dimentico il loro impegno in prima linea nella lotta contro gli incendi che in estate minacciano il nostro territorio. L’affetto popolare per questi interventi trova ancoraggio nell’attività dei Vigili del Fuoco che è principalmente una missione. Voi siete missionari del soccorso e dell’assistenza. Rappresentate un riferimento per la comunità e incarnate valori in cui tutti ci riconosciamo. Per questo, a nome della città il Sindaco vi ringrazia. Il conferimento della cittadinanza onoraria è un atto doveroso nei vostri confronti che io mi onoro di offrirvi”.

369