dal_comune.jpg
Ti trovi qui:Home»Dal Comune»Il sindaco ha ricordato Pierre Boulez

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Se vuoi proseguire accetta i cookie. Per saperne di piu'

Approvo
Venerdì, 08 Gennaio 2016 01:00

Il sindaco ha ricordato Pierre Boulez

“La cultura rende inevitabile cioò che è altamente improbabile. E’ la frase che ha segnato la missione culturale di Pierre Boulez

lo sperimentatore d’una nuova musica, morto nella notte fra il 5 il 6 gennaio a Baden Baden”.

Il sindaco Raffaello de Ruggieri, nel ricordare la personalità straordinaria e esclusiva del compositore francese, sottolinea la sua “Spiccata qualità di innovatore del linguaggio musicale contemporaneo e la sua ricerca della missione culturale per la rigenerazione della nostra società.

Se nella sua creatività musicale egli ha rappresentato il dato rivoluzionario più attuale – sostiene - nella elaborazione della teoria egli ha sempre proposto la cultura come condizione della esistenza di una comunità, che può crescere solo se interessata a una partecipazione attiva nella costruzione dei percorsi culturali in grado di trasformare l’appartenenza in responsabilità civica e politica. La forza dirompente e sbalorditiva della cultura diviene infatti il detonatore della società perché essa rivitalizza le comunità, da’ loro la vita, anzi cambia la vita perché la cultura è, appunto, generatrice di creatività e stimolatrice di crescita economica e fattore insuperabile di inclusione sociale.

La visione profetica di Boulez – aggiunge de Ruggieri - è racchiusa nell’aforisma straordinario secondo cui la cultura rende inevitabile ciò che è altamente improbabil.e

E’ stato quasi un viatico del percorso operato dalle donne e dagli uomini di Matera e quindi un messaggio profetico di questa nostra città passata dal livello della congiunzione della povertà a quello del riconoscimento del suo valore universale.

Per questo - conclude il sindaco - ho sentito la necessità di ricordare la morte di un gigante del nostro tempo e la preveggenza della sua visione della cultura come lievito di costruzione del futuro”.