dal_comune.jpg
Ti trovi qui:Home»Dal Comune»Smart working, il Comune di Matera attiva il percorso di lavoro a distanza

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Se vuoi proseguire accetta i cookie. Per saperne di piu'

Approvo
Martedì, 10 Marzo 2020 17:34

Smart working, il Comune di Matera attiva il percorso di lavoro a distanza

Per contenere e contrastare la diffusione del virus COVID-19 e in attuazione di quanto previsto dai DPCM dell’8 e del 9 marzo 2020, il Comune di Matera ha predisposto una disciplina regolamentare temporanea e urgente che consentirà a particolari categorie di dipendenti di passare ad una modalità di lavoro “agile”.

Lo smart working è rivolto a dipendenti portatori di patologie che li rendono maggiormente esposti al contagio, di coloro che si avvalgono di servizi pubblici di trasporto per raggiungere la sede lavorativa o di lavoratori sui quali grava la cura dei figli a seguito dell’eventuale contrazione dei servizi di asilo nido e scuola dell’infanzia.

Gli interessati ad avvalersi di questa opportunità potranno inoltrare domanda motivata al dirigente del settore di appartenenza, che entro 24 ore fornirà loro riscontro sulla possibilità di passare alla modalità di lavoro flessibile.

Una connessione VPN consentirà di creare una rete virtuale dei dati presenti sulla scrivania digitale di ciascun dipendente.

L’attestazione della presenza in servizio sarà effettuata attraverso l’utilizzo di apposita App per smartphone da installare sul dispositivo mobile del dipendente secondo le indicazioni contenute nell’accordo individuale.

La misura potrà essere attuata per un numero di circa 40 dipendenti.

Il Comune di Matera ha predisposto, inoltre, gli adempimenti necessari per promuovere la fruizione del congedo ordinario da parte dei lavoratori dipendenti, assicurando comunque la funzionalità degli uffici e l'erogazione dei servizi essenziali.
I provvedimenti vanno nella direzione indicata di favorire la permanenza a casa del numero massimo possibile di dipendenti comunali.