dal_comune.jpg
Ti trovi qui:Home»Dal Comune»Approvato l'assestamento di bilancio in consiglio comunale

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Se vuoi proseguire accetta i cookie. Per saperne di piu'

Approvo
Giovedì, 04 Agosto 2016 16:19

Approvato l'assestamento di bilancio in consiglio comunale

La seduta  del consiglio comunale (30 consiglieri presenti) ha affrontato i 6 punti previsti all’ordine del giorno che nella precedente seduta del 30 luglio scorso, non erano stati esaminati per mancanza di numero legale.

Il punto 1(Variazione al Bilancio di Previsione 2016 in termini di competenza e cassa) è stato approvato all’unanimità con immediata esecutività.

Il punto 2 (Riconoscimento dei debiti fuori bilancio relativi a sentenze esecutive del Giudice di Pace) è stato approvato con 19 voti favorevoli e 10 astenuti.

Il punto 3 (Riconoscimento di debiti fuori bilancio relativi a sentenze esecutive del Tribunale. Sezione Lavoro) è stato approvato con 19 voti favorevoli, 9 astenuti con immediata esecutività.

I punti 2 e 3 sono stati illustrati dall’avv. Enrica Onorati, dirigente del settore Legale.

Il punto 4 (Documento Unico di Programmazione 2017-2019. Approvazione) ha aperto un ampio dibattito nel corso del quale sono intervenuti i consiglieri Adduce, Pietro Iacovone, Cotugno e Lionetti.

L’assessore al Bilancio, Quintano è intervenuto chiarendo alcuni aspetti: “Il Dup, oltre a rappresentare la programmazione 2017-2019, è rivolto alla verifica dello stato di attuazione dei programmi. Si tratta di un atto che deve essere fondato su elementi chiari e certi. La programmazione 2017-2019 - ha aggiunto - su cui non c’è certezza riguardo ai finanziamenti, non posso contenere indicazione certa dei programmi che si possono mettere in campo. Il Dup, d’altronde, è emerso dalle ultime norme del Tuel (Testo unico degli enti locali), entro la fine dell’anno con la programmazione previsionale 2017 e triennale del 2017-2019, le scelte e l’individuazione dei programmi e le linee strategiche si concretizzeranno in quel documento”. Il punto è stato approvato con 19 voti favorevoli e 10 contrari.

Il punto 5 (Rideterminazione del Piano Economico finanziario e relative tariffe Tari in riduzione per l’anno 2016 – art. 193, comma 3, del Dlgs n.267/2000) ha portato, anche in questo caso, ad ampio dibattito a cui hanno preso parte i consiglieri Montemurro, Materdomini, Pietro Iacovone, Cotugno, Adduce, Casino, Trombetta, Lionetti e Manicone. In particolare la discussione si è concentrata su un emendamento che era stato presentato da 9 consiglieri di minoranza e che, dopo confronto nell’ambito dell’assemblea nel corso della quale sono intervenuti l’assessore al Bilancio Eustachio Quintano e il segretario generale Mariella Ettorre, è stata presentata come raccomandazione (allegato n.1). Il punto è stato approvato all’unanimità.

Il punto 6 (Salvaguardia degli equilibri di bilancio e assestamento generale del bilancio di previsione2016-2018). Il punto è stato approvato con 17 voti a favore e 2 astenuti . I componenti dell’opposizione hanno abbandonato l’aula.