dal_comune.jpg
Ti trovi qui:Home»Dal Comune»Il sindaco ha incontrato il comitato spontaneo di operatori culturali

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Se vuoi proseguire accetta i cookie. Per saperne di piu'

Approvo
Lunedì, 22 Agosto 2016 09:40

Il sindaco ha incontrato il comitato spontaneo di operatori culturali

Un incontro che ha avviato “La fase di pacificazione”.

Così il sindaco ha definito la riunione che si è svolta al Comune e  cui hanno partecipato i componenti del comitato spontaneo che qualche settimana fa aveva protestato con una manifestazione in piazza.“Si sono individuati una serie di elementi comuni sui quali lavoreremo con una delegazione che verrà individuata e che incontrerò al più presto”. All’incontro erano presenti Nicola Fontanarosa di Cofimi, Piero Colapietro di Cna e Nunzio Olivieri di Confindustria. Dalla mancanza di eventi, alla ztl, dalla mancata realizzazione del G7 e del Capodanno a Matera ai rifiuti e all’abusivismo nel settore ricettivo. Questi alcuni dei temi sollevati nel corso dell’incontro, aperto con l’illustrazione degli aspetti principali che hanno motivato la protesta di operatori economici, commerciali, di titolari di attività ricettive, di B&B, ristoranti, società di incoming e tour operator.Gli aspetti legati all’andamento di queste attività e alla necessità di attivare un rapporto operativo con l’amministrazione comunale sono stati al centro del confronto che è proseguito con interventi di altri operatori, che hanno consentito di entrare nel vivo delle questioni che interessano i rappresentanti del mondo produttivo.In un contesto che ha superato le polemiche e si è concentrato sulle problematiche operative, si è avviato un colloquio nel quale l’amministrazione comunale svolgerà un ruolo di interlocutore diretto, come ha confermato il sindaco, in modo da mettere in atto strumenti e meccanismi di sviluppo e promozione della città anche in vista del 2019, anno in cui sarà Capitale europea della Cultura.