dal_comune.jpg
Ti trovi qui:Home»Dal Comune»Il discorso del sindaco Raffaello de Ruggieri alla cerimonia al Quirinale

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Se vuoi proseguire accetta i cookie. Per saperne di piu'

Approvo
Martedì, 22 Novembre 2016 11:44

Il discorso del sindaco Raffaello de Ruggieri alla cerimonia al Quirinale

Intervento letto dal sindaco di Matera, Raffaello de Ruggieri, in presenza del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, nella sala Ricci del Quirinale il 17 novembre 2016 in occasione del conferimento della Medaglia d’oro al merito civile alla città di Matera.


Signor Presidente,
Le porto il saluto e la stima delle donne e degli uomini di Matera.
Una cittá senza tempo,  illuminata da un sole ferocemente antico, dove è passato il mondo.
Nella perennitá della vicenda umana di Matera, nel 1943 è passata anche la guerra. Un episodio di libertà e di lutti. Una rivolta civica contro il  dominio arrogante dei nazisti che dopo l'8 settembre avevano occupato militarmente la città,  distruggendo  presidi strategici e compiendo ruberie e aggressioni.  
Nel pomeriggio del 21 settembre questi comportamenti non furono più tollerati e l'impeto popolare costrinse la retroguardia dell'esercito nazista, formato da un battaglione di paracadutisti guastatori,  a lasciare la cittá.  Ma il teatro di quelle ore materane si tinse del  sangue di 24 cittadini uccisi in battaglia o trucidati dalla ferocia degli occupatori.
Matera fu la prima cittá italiana a guadagnare la libertá contro i nazisti anche con il sacrificio dei suoi abitanti.
Oggi, signor Presidente,  quel sacrificio viene riconosciuto e gratificato con la medaglia d'oro al merito civile quale ufficiale legittimazione della Repubblica Italiana.
Esprimo, quindi a Lei,  e  tramite la Sua persona  al Governo e all'intera Nazione, il riconoscente apprezzamento della mia comunitá per tale prestigioso conferimento.  Questo ulteriore riconoscimento, signor Presidente,  arricchisce il lungo e caparbio cammino che Matera ha intrapreso dopo quel tragico giorno.
Tra memoria e nuova costruzione di storia, la cittá ha dismesso l'abito di un pesante disagio sociale e economico, recuperando la confidenza con la propria identitá territoriale,  convertendo la vergogna in orgoglio di appartenenza e raggiungendo la responsabilità dell'autostima.
Questa vissuta, corale, partecipazione di popolo ha consentito di salvare e rivitalizzare gli storici rioni dei Sassi, sottraendoli all'abbandono e alla rovina; ha stimolato l’Unesco a riconoscere il luogo come Patrimonio Mondiale dell’Umanità e ha  portato la designazione  di Matera a Capitale europea della Cultura nel 2019.
Mi chiedo, signor Presidente,  può una cittá che nel 2019 rappresenterà la dignità e la qualitá della Nazione, essere inaccessibile?
Ho letto con sofferta partecipazione il suo grido  d'allarme per l'isolamento ferroviario di Matera. Grazie per questa Sua attenzione, ma la prego  offra la Sua autorevole alleanza per favorire la soluzione di tale essenziale, storico, annoso  problema materano.
Lo meritiamo, signor Presidente, perchè Matera ha testimoniato che il valore dell'appartenenza,  se intriso di sana militanza civica,  responsabilizza le comunitá, rendendole artefici  del proprio futuro.
Questo è avvenuto a Matera, iniziando dal pomeriggio eroico del 21 settembre 1943.
La medaglia d'oro che da oggi è  appuntata sul nostro gonfalone rende onore ai nostri morti e alle visioni di futuro di cui è portatrice la nostra cittá.
Noi La aspettiamo, signor Presidente.