sport.jpg
Ti trovi qui:Home»Politiche Giovanili, Associazioni e Sport»Notte bianca annullata per maltempo. Il commento della Consulta giovanile
Lunedì, 12 Settembre 2016 16:29

Notte bianca annullata per maltempo. Il commento della Consulta giovanile

“Il maltempo di venerdì sera ha imposto l’annullamento della Notte Bianca,

ma il lavoro di tutti fino all’ultimo ci ha convinti che in questa città le iniziative si possono fare, unendo forze sane che vogliono costruire qualcosa per Matera. Lo dimostrano i 159 euro in un’ora  raccolti dalla Caritas diocesana, davanti alla chiesa del Purgatorio, a favore delle popolazioni terremotate”. Così il direttivo della Consulta giovanile commenta l’esito della manifestazione  che era stata programmata ieri, venerdì 9 settembre in tre delle principali piazze della città.
“La prima data, il 27 agosto scorso, era stata rinviata per il lutto nazionale dopo il terremoto in centro Italia – aggiungono – a cui avevamo ritenuto doveroso aderire. La Notte Bianca, come ogni iniziativa che viene promossa dalla Consulta giovanile, nasce dall’idea di valorizzare la città ma soprattutto i ragazzi che in diversi ambiti ne sono espressione attiva. I nostri ringraziamenti vanno a tutti: dall’associazione Armida, al service di Carlo Iuorno, ad Antonio Viggiani, dall’associazione Genitori h24, all’associazione Il Branco, l’Airc, alla Caritas Diocesana, a Los Hermanos Academy, Nino Vinciguerra, al Circolo La Scaletta,  dai Ragnatela Folk al gruppo Sopravvissuti e Sopravviventi, al dj Michael Froth, dagli esponenti delle aziende enogastronomiche, a Dejavu animazione, a Calia Italia, Bawer, agli artisti di strada. Il loro impegno per noi resta fondamentale e fa parte del patrimonio a cui attingere nel reciproco confronto, come è avvenuto finora.
Siamo già al lavoro, sin dalla assemblea che si svolgerà oggi – concludono i componenti del direttivo – per programmare nuove iniziative e individuare obiettivi sui quali concentrare la nostra attività. La Notte Bianca era solo uno dei tasselli che rappresentano lo spirito della Consulta”.