turismo.jpg
Ti trovi qui:Home»Turismo»MATERA E FIRENZE PROGETTANO INSIEME IL FUTURO DEL TURISMO DELLE CITTA’ D’ARTE

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Se vuoi proseguire accetta i cookie. Per saperne di piu'

Approvo
Giovedì, 18 Marzo 2021 17:49

MATERA E FIRENZE PROGETTANO INSIEME IL FUTURO DEL TURISMO DELLE CITTA’ D’ARTE

Matera e Firenze sono due città che, ciascuna per le proprie dimensioni, stanno attraversando una fase difficilissima e inedita nel settore del turismo e dell’ospitalità. Ma la pandemia potrebbe essere anche la porta per aprire una stagione nuova, l’occasione per riqualificare l’offerta turistica in termini di innalzamento della qualità, di destagionalizzazione dei flussi, della governance delle grandi comitive e dell’accoglienza sul territorio. Ne hanno parlato, questo pomeriggio in videoconferenza, il sindaco di Matera, Domenico Bennardi, e quello di Firenze, Dario Nardella.

“Le due città da tempo coltivano relazioni istituzionali – afferma Bennardi -. Abbiamo convenuto che può essere il momento giusto per investire sul rispetto dell’ambiente, la cura delle persone e del territorio, per un turismo attento al patrimonio naturale, artistico e culturale: su queste basi abbiamo ritenuto di poter lavorare insieme, secondo un approccio che Matera ha già fatto proprio, e cioè il modello del turismo sostenibile”.

A proposito del Patto “E-Matera”, il sindaco Bennardi ha preannunciato che nei prossimi giorni saranno convocati tutti i sottoscrittori, per la costituzione del Comitato di coordinamento: “In questo modo – ha detto – la realizzazione delle attività e l’operatività sarà nelle mani dei rappresentanti degli operatori del settore, che avranno un’interfaccia costante con l’Amministrazione comunale; nel frattempo dal Palazzo di Città si lavora per preparare e gestire la fase di rilancio delle attività durante il periodo immediatamente successivo alla ‘sospensione’ determinata dall’emergenza epidemica: dal G20 in poi – ha concluso -, Matera sarà proiettata nuovamente sulla scena internazionale grazie ad una progettualità che mette a frutto le esperienze e le competenze di istituzioni e imprenditori”.