universita.jpg
Ti trovi qui:Home»Scuola, Università e Formazione»Progetto Hubout, i Comuni di Matera e Cinisello Balsamo aprono lo spazio di coworking nell’Hub di San Rocco

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Se vuoi proseguire accetta i cookie. Per saperne di piu'

Approvo
Mercoledì, 29 Luglio 2020 14:51

Progetto Hubout, i Comuni di Matera e Cinisello Balsamo aprono lo spazio di coworking nell’Hub di San Rocco

Il Sindaco Raffaello De Ruggieri e l’Assessore alla Scuola, Marilena Antonicelli, hanno ricevuto ieri una delegazione del Comune di Cinisello Balsamo, giunta nella città dei Sassi per avviare ufficialmente le attività del progetto HUBOUT.

I due comuni nel mese di settembre 2019 hanno candidato, in gemellaggio amministrativo, il progetto HUBOUT, finalizzato alla creazione di un Hub dedicato allo sviluppo di impresa giovanile. Lo spazio, che avrà sede nell'Hub di San Rocco, avrà l'obiettivo, in partenariato con Basilicata Creativa e Generazione Lucana, di sviluppare percorsi formativi dedicati allo sviluppo delle competenze imprenditoriali dei giovani di età compresa tra i 16 e i 30 anni.

“L’Hub digitale di San Rocco – ha sottolineato il Sindaco de Ruggieri – ha lo scopo di favorire la circolazione della conoscenza e di permettere ai giovani creativi di sviluppare il proprio talento e le proprie competenze. L’alleanza con il Comune di Cinisello Balsamo è in questo senso un esempio di come la collaborazione tra enti possa favorire la formazione e l’inserimento lavorativo dei giovani”. 

“L’obiettivo che ci siamo posti con questo progetto – ha spiegato l’Assessore Antonicelli – è quello di permettere ai nostri giovani di dialogare direttamente col mondo delle imprese culturali e dell’alta tecnologia per formarsi, per portare le loro idee e per svilupparle. Un luogo quindi di costruzione del futuro, aperto e condiviso per immaginare e creare un futuro lavorativo che metta al centro l’innovazione e la valorizzazione delle risorse culturali e creative dei rispettivi territori”.