dal_comune.jpg
Ti trovi qui:Home»Dal Comune»Definizione agevolata controversie tributarie e fiscali, per le domande c’è tempo fino al 30 settembre

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Se vuoi proseguire accetta i cookie. Per saperne di piu'

Approvo
Lunedì, 09 Settembre 2019 13:12

Definizione agevolata controversie tributarie e fiscali, per le domande c’è tempo fino al 30 settembre

Sono in scadenza i termini per la definizione agevolata delle controversie che prevede l’esclusione del pagamento delle sanzioni relative a tutte le entrate, anche tributarie, non riscosse a seguito di ingiunzione fiscale


Gli interessati che volessero definire la propria posizione utilizzando le forme di agevolazioni previste, dovranno presentare domanda entro il 30 settembre 2019.
L’istanza può essere presentata tramite il portale comunale “Matera digitale”, compilando e inviando il modulo con i dati richiesti, oppure per posta elettronica certificata all’indirizzo: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo..
“A seguito dell’esame delle domande pervenute – spiega l’assessore al Bilancio, Eustachio Quintano - il Comune emetterà, entro il 31 dicembre 2019 , un provvedimento con l’indicazione delle somme dovute per effetto della domanda con pedissequa notifica del provvedimento ai cittadini richiedenti.
Qualora il contribuente fosse interessato al pagamento in forma rateale, dovrà richiederlo contestualmente alla domanda di ammissione alla definizione agevolata. Le somme dovute potranno essere dilazionate fino ad un massimo di diciannove rate mensili di pari importo decorrenti dal 1° gennaio 2020, come stabilito dall’art. 66 del Regolamento delle Entrate Comunali approvato con deliberazione di C.C. n.39 del 27/06/2012, di cui l’ultima in scadenza non oltre il 30 settembre 2021, con un importo minimo di € 50,00. In caso di pagamento rateizzato sono dovuti, a decorrere dal 1° ottobre 2019, gli interessi quantificati al tasso di interesse legale. In caso di mancato o insufficiente o tardivo versamento dell’unica rata ovvero di una singola rata del piano di dilazione il pagamento delle somme, la definizione non produrrà alcun effetto con il ripristino del debito ex ante.
Il pagamento delle somme dovute a titolo di definizione agevolata, in un’unica scadenza o in maniera rateale, dovrà essere effettuato nelle modalità indicate nel provvedimento di accoglimento della domanda”.
Per informazioni ci si può rivolgere, dal lunedì al venerdì dalle ore 9 alle ore 12:30 ed il martedì e giovedì anche dalle ore 16 alle ore 18, presso il centro servizi comunale sito alla via Dante 82/bis. Recapito telefonico: 0835/331403.