dal_comune.jpg
Ti trovi qui:Home»Dal Comune»Anziani e disabili non autosufficienti e senza famiglia, un numero verde del Comune per ricevere la spesa a casa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Se vuoi proseguire accetta i cookie. Per saperne di piu'

Approvo
Lunedì, 09 Marzo 2020 18:46

Anziani e disabili non autosufficienti e senza famiglia, un numero verde del Comune per ricevere la spesa a casa

Il Comune di Matera, in collaborazione con la cooperativa Lilith che gestisce il servizio comunale di assistenza domiciliare, ha istituito un numero verde a disposizione delle persone, disabili e anziani non autosufficienti, che non dispongono di una rete familiare, che sono impossibilitate ad uscire perché affette da patologie croniche, e che hanno bisogno di sostegno per poter comprare generi di prima necessità.

Il numero verde è: 800 034 566 ed è stato attivato per venire incontro alle esigenze delle persone che si trovano nelle condizioni previste Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 8 marzo 2020 (art.3 b).

Il provvedimento “raccomanda a tutte le persone anziane o affette da patologie croniche o con multimorbilità, ovvero con stati di immunodepressione congenita o acquisita, di evitare di uscire dalla propria abitazione fuori dai casi di stretta necessità e di evitare comunque luoghi affollati nei quali non sia possibile mantenere la distanza di sicurezza interpersonale di almeno un metro”.

Gli operatori della Lilith saranno a disposizione per ricevere le richieste degli anziani in difficoltà e provvederanno a recapitare loro la spesa a casa.

E’ indispensabile, per garantire l’efficienza del servizio, che ad attivarlo siano solo le persone che si trovano effettivamente nella situazione descritta.

Il Comune di Matera ringrazia le associazioni di volontariato che si sono messe a disposizione per assicurare il servizio ma ha ritenuto di interessare, almeno in questa prima fase, la cooperativa Lilith che si occupa di assistenza domiciliare e che dispone del materiale sanitario necessario per garantire la sicurezza dei fruitori e degli operatori.