dal_comune.jpg
Ti trovi qui:Home»Dal Comune»Asili nido. Parla l'assessore alle Politiche sociali Marilena Antonicelli
Martedì, 30 Agosto 2016 15:59

Asili nido. Parla l'assessore alle Politiche sociali Marilena Antonicelli

Scelta per le famiglie, ma anche tutela dei nuclei più fragili e nessuna discriminazione per la altre. Così l’assessore alle Politiche sociali Marilena Antonicelli ha affrontato il tema delle tariffe degli asili nido, oggi in conferenza stampa.


“La nostra ttività ha comne unico riferimento le famiglie e le loro esigenze – ha esordito, ripercorrendo brevemente l’iter di questo settore  - Attualmente pubblico e privato lavorano insieme, ma stiamo operando  per distinguere bene i due aspetti, migliorando al tempo stesso  il servizio e consentendo  ai genitori di scegliere.
L’ultimo bando relativo agli asili nido risale al 2013. Il servizio, fino al 2004, veniva regolato attraverso affidamenti che l’amministrazione comunale effettuava nei confronti di due cooperative. L’1 aprile 2004 – ha proseguito ripercorrendo la vicenda nel tempo – un bando affidò il servizio ad una Ati costituita dalle coop sociali “Nuova civiltà” e “Jan Patoscka” per le due strutture comunali di via Bramante e via Gramsci. Nel frattempo era nato il piano sociale di zona; in questo ambito c’erano requisiti strutturali legati al numero degli alunni degli asili nido. Per questa ragione,le due strutture non avrebbero potuto  ospitarne più di una data cifra: 68 in via Bramante, 58 in via Gramsci. In precedenza ne erano previsti 100 per ognuna delle due scuole.
Il 19 luglio 2005, nel corso di una conferenza di servizio, fu chiesto di mettere a disposizione strutture private. La scuola di Via Bramante aggiunse la struttura di piazzetta Vivaldi, via Gramsci invece aggiunse la sede di via Saragat.
Nel 2005, nel frattempo, la scuola di via Gramsci fu chiusa per problemi strutturali e gli alunni furono trasferiti  a S. Agnese nell’ex scuola media.
Il bando del 2004 è scaduto nel 2013 – ha aggiunto l’assessore Antonicelli – fino al 2015 ci sono stati diversi tentativi per sanare la situazione che si era creata fino a quel momento: S. Agnese, infatti, non aveva i reali requisiti per un asilo nido. Ad oggi la struttura, d’altronde, non è adeguata a meno che non si proceda ad una riqualificazione.  Si è stati costretti, però, a mantenere questo servizio per evitare ulteriori disagi alle famiglie. Intervenendo una serie di linee guida regionali, nel giugno 2015, abbiamo proceduto ad  una analisi di richieste, esigenze, presenze negli asili nido.
Alle nostre due strutture pubbliche sono state aggiunte alcune strutture private; in questo modo sono nate aspettative sia da parte degli imprenditori economici e di tutti coloro che sono impegnati nell’indotto. Era perciò necessario mettere dei paletti imposti dalla legge: la funzione che si era svolta finora non può essere più assicurata. In tutti i casi, nessun fondo è stato tagliato alle famiglie ma, al contrario, è stato ottimizzato il quadro delle richieste, offrendo la possibilità di scegliere fra due strutture.
Nell’istituto dell’accreditamento si sono inserite dunque  alcune strutture private che offrono spazi adeguati, insegnanti qualificati, personale professionalizzato. Consentire alle famiglie di scegliere le strutture più adatte è il primo dei nostri interessi”.
L’assessore Antonicelli si è poi soffermata sulla commissione che ha valutato le strutture che si sono accreditate per svolgere il servizio di asilo nido: “Hanno visionato i progetti, assegnato determinati punteggi in base alla qualità educativa e didattica. In questo modo abbiamo ampliato l’offerta. In quanto al sostegno alle famiglie – ha ulteriormente precisato l’assessore – i contributi sono legati alle fasce Isee, che rivelano criticità e punti di forza.  In questo senso le fasce vedranno una rimodulazione entro la fine del 2016, attività che i nostri uffici stavano già prevedendo. A chi sostiene che si tratti di una discriminazione nei confronti delle donne lavoratrici, ricordo che abbiamo forme di gratuità per le famiglie segnalate ai servizi sociali, per le famiglie monogenitoriali o particolarmente fragili”.
L’assessore Antonicelli ha inoltre annunciato  che i lavori nella scuola dell’infanzia di via Gramsci verranno conclusi nella primavera prossima.  
In quanto ai nuobi bandi, che saranno due (uno per la scuola di via Bramante e uno per quella di S. Agnese) attendiamo la relazione tecnica per valutare la spesa per la  riqualificazione di quest’ultima”.