dal_comune.jpg
Ti trovi qui:Home»Dal Comune»Allo Iat attivo il servizio Unitalsi di supporto per turisti disabili

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Se vuoi proseguire accetta i cookie. Per saperne di piu'

Approvo
Giovedì, 13 Ottobre 2016 08:26

Allo Iat attivo il servizio Unitalsi di supporto per turisti disabili

Allo iat di via Ridola sarà attivo dai primi giorni di novembre il servizio di supporto logistico e di assistenza per i turisti disabili messo a punto dall’Unitalsi.


Il servizio consentirà a  otto volontari del servizio civile selezionati nel luglio scorso  di svolgere un compito particolarmente importante a sostegno dei visitatori diversamente abili che arrivano a Matera e vogliono conoscere i luoghi più suggestivi della città.
L’iniziativa rientra nell’ambito del progetto “Matera, Capitale della cultura 2019 anche per i disabili” approvato dal Dipartimento della Gioventù e del Servizio Civile Nazionale.
Il tema centrale, obiettivo dell’associazione, è stato quello di rendere Matera davvero accessibile alle persone svantaggiate in un contesto unico, quale è la città dei Sassi, che  si offre a tutto il mondo nella sua particolarità.  
Gli 8  volontari dell’Unitalsi garantiranno il servizio di trasporto  e l’accompagnamento  dei turisti disabili, realizzando  un servizio di prima accoglienza specifico. Inoltre verrà garantito supporto logistico e di assistenza durante le visite guidate, anche attraverso l’utilizzo dei mezzi  attrezzati di proprietà dell’associazione.
La collaborazione della amministrazione comunale con il mondo del volontariato conferma le buone pratiche che fanno di Matera una città aperta e attenta alle esigenze dei suoi visitatori, anche di quelli che si trovano in condizioni di difficoltà.
Un patrimonio come quello riconosciuto dall’Unesco, d’altronde, merita di essere reso accessibile  perché “Proprietà dell’Umanità”.