turismo.jpg
Ti trovi qui:Home»Turismo»L'assessore Schiuma sulla città del cinema
Mercoledì, 11 Maggio 2016 12:07

L'assessore Schiuma sulla città del cinema

Una città nella quale produzioni culturali esportino prodotti “Made in Matera”

e nella quale si è definita una strategia che intende fare del cinema un settore di sviluppo economico e lavorativa del territorio in modo sostenibile”. Così l’assessore comunale all’Innovazione e Pianificazione strategica, Giovanni Schiuma commenta il ringraziamento della Warner Bros al termine delle riprese del film “Nightingale” e aggiunge: “I recenti ringraziamenti della Warner Bros testimoniano il lavoro che l'amministrazione sta svolgendo nel definire un contesto operativo favorevole alle grandi e indipendenti produzioni cinematografiche. La definizione di un ufficio cinema è stata la prima azione concreta volta a definire una struttura di supporto alle produzioni che operano nella città di Matera. A questo si affianca la definizione del regolamento delle produzioni cinematografiche, su cui la commissione pianificazione strategica e innovazione presieduta dal consigliere Mariateresa Vena ha lavorato, che è oramai pronto ad essere approvato in consiglio comunale”.

L’assessore Schiuma, sottolinea inoltre il valore di azioni che contribuiranno a rendere la città di Matera luogo ideale per le produzioni: “L'amministrazione sta portando avanti la candidatura di Matera a città creativa Unesco del cinema. Un fondamentale riconoscimento per consolidare il profilo internazionale di Matera come città del cinema e attrarre ulteriori operatori. Il recente festival internazionale del cinema indipendente ha posto Matera come luogo ideale, non solo per le grandi produzioni, ma anche per i giovani registi. Si sta lavorando – conclude Giovanni Schiuma - affinchè si costituisca a Matera una scuola del cinema, un sistema di valorizzazione delle produzioni digitali, di un museo che raccolga il patrimonio cinematografico regionale e nazionale, e la destinazione di spazi per la realizzazione di un cineporto e di un teatro di posa”.